Le mani di Lega-M5s su Bankitalia: "Vogliono comprarsi l'arbitro"

L'ex presidente del Consiglio Enrico Letta contro le sparate di Salvini e Di Maio: "Vogliono distruggere l'equilibrio su cui si fonda l'autonomia delle autorità indipendenti".

Bankitalia

Bankitalia

globalist 10 febbraio 2019
La loro strategia è chiara: dare la colpa gli altri e occupare ogni posizione di potere, magari mandando parenti, amici e trombati, come ogni casta.
Bankitalia: Di Maio e Salvini dicono che va azzerato tutto? ''Non mi stupisce. Fa parte di una strategia complessiva che riassumerei in questo concetto: comprarsi l'arbitro. Minare e distruggere l'equilibrio su cui si fonda l'autonomia delle autorità indipendenti. Ma senza un sistema di pesi e contrappesi, il check and balance, viene meno un elemento essenziale della democrazia''.
Lo ha detto Enrico Letta, ex presidente del Consiglio, in un'intervista a Repubblica.
''A loro -dice- non interessa cambiare bensì scatenare la lapidazione pubblica. Additare ogni volta un colpevole esterno ed esporlo al pubblico ludibrio della piazza per scatenare risentimento e consenso elettorale. Questo governo non nasce dalle urne ma da un accordo in Parlamento. Il mandato che rivendicano è fasullo. Agiscono così per due motivi: da una parte hanno necessità di aprire un fronte che concentri l'attenzione su altro anziché sulle questioni scabrose degli ultimi tempi, cioè la recessione e il tracollo dell'economia italiana, dall'altra devono portare in secondo piano il travaglio sull'autorizzazione a procedere a Salvini, che per il M5s è una santabarbara. La scelta di salvarlo dal processo azzererebbe il suo dna''.