Il sindacato dei giornalisti Rai: "ritorsioni contro Baglioni gravissime, c'è aria di epurazione"

Vittorio Di Trapani, segretario di Usigrai: "attendevamo la smentita delle parole di Teresa De Santis, che non è arrivata. Fatto gravissimo"

Sede della Rai

Sede della Rai

globalist 10 gennaio 2019
Vittorio Di Trapani, segretario di Usigrai (Unione sindacale giornalisti Rai), è scioccato dalle parole attribuite a Teresa De Santis, direttrice di Rai1, che sostiene che 'finché ci sarà lei, Claudio Baglioni non metterà più piede all'Ariston'. Edizione 2019 esclusa, ovviamente, anche se c'è chi sta provando in extremis a mettere i bastoni tra le ruote e Baglioni.
"Abbiamo atteso la smentita. Che non è arrivata. Anzi, è arrivato il nuovo attacco. Diretto. La ritorsione attribuita alla Direttrice di Rai1 contro Claudio Baglioni è di gravità inaudita" scruve Di Trapani, che continua: "Se qualcuno pensa di aprire in Rai una stagione di epurazione sulla base delle opinioni troverà la nostra più ferma resistenza".